10 punti per descrivere cosa e chi sono i bagnini

Siamo entrati nella stagione più attesa di tutte. Nonostante il maltempo e alcune fredde giornate di fine Giugno, confidiamo nel benestare del Dio dei Venti e ci aspettiamo un’estate caldissima.

Dietro la lente specchiata dell’occhiale da sole di un bagnino, c’è uno sguardo vigile che veglia sulla vostra incolumità.

Estate significa mare, ombrelloni e crema solare, significa tormentoni alla radio e anguria a volontà. E anche se la maggior parte di noi è in vacanza, tantissime sono le persone che invece lavorano. Tra i lavoratori estivi che sicuramente incontrerete o avrete già incontrato in passato ci sono gli Assistenti Bagnanti, meglio noti come Bagnini di Salvataggio. Ragazzi abbronzatissimi sì, ma solo nelle braccia e nelle gambe, con cappellino, occhiali da sole e maglietta rigorosamente rossa. Ma chi si cela dietro queste figure? Cosa è un Bagnino? Analizziamolo in questi 10 punti che ci aiuteranno a capire meglio questo loro mondo.

  • PROFESSIONISTA

Un assistente bagnanti è prima di tutto un professionista, il che significa che esiste un albo in cui è riportato il nome di tutti coloro in possesso della qualifica. Per essere abilitati bisogna frequentare un corso (tra quelli organizzati dalla Federazione Italiana Nuoto, dalla Società Nazionale Salvamento Genova e la Federazione Italiana Salvamento Acquatico), pagarlo e studiare, perché al termine del corso bisogna superare un esame. Una volta superato i bagnini conoscono i pericoli che il mare può riservare e sanno come prestare rapidamente un primo soccorso a chi non riuscisse ad evitarli.

  • VIGILI

Che significa che i bagnini sono attenti. Ma significa anche che devono comportarsi quasi come degli agenti in spiaggia. Devono essere scrupolosi nel vigilare e nel segnalare comportamenti potenzialmente pericolosi e/o illeciti . Naturalmente un bagnino non può mettere multe, ma per il ruolo che ricopre deve osservare e far osservare a tutti le regole sul comportamento in spiaggia, a tutela dell’incolumità dei bagnanti e nel rispetto dell’ambiente. Quindi se ad esempio decideste di portare il cane in spiaggia, o per pigrizia vi venisse quell’idea spregevole di sotterrare rifiuti, o se ancora vi capitasse di nuotare nella corsia di atterraggio (tra le due file di boe che dalla battigia arrivano ai 200 metri) non stupitevi se il bagnino si avvicinerà a rimproverarvi. Ricordate che contraddirlo poi, se non siete informati sulle normative, è una cosa molto scortese perché lui sa nei minimi dettagli cosa si può e cosa non si può fare. E in ogni caso, prima di potervi arrabbiare per il rimprovero tenete a mente che probabilmente vi sta informando per salvarvi dai veri “vigili” che, come sappiamo bene, non informano ma sparano multe direttamente e senza pietà!

  • ESPERTI METEO

Questa è una bufala. Però, ve lo dice chi ha fatto il bagnino in spiaggia anni fa, è comune pensare che i bagnini siano dei massimi esperti del meteo. Sono molti i bagnanti, specie anziani, che si avvicinano al bagnino per sapere che vento soffia, se è previsto che cali, se pioverà o se farà bel tempo. I bagnini rispondono un po’ come possono, e approfittano della chiacchierata per passare un po’ di tempo. Ma di solito hanno le stesse informazioni che ha chiunque, si informano guardando il telegiornale o il meteo online e non hanno canali di informazione privilegiati. Inoltre non hanno quel fiuto tipico dei vecchi lupi di mare, dunque non cadete nella trappola!

  • PAZIENTI

Stare al mare è bello, e si sa che molte persone spendono soldi per poterci stare. Ma rimanerci 10-11 ore di fila, ogni giorno, seduti in torretta con l’obbligo di indossare sempre la maglietta e non poter mai abbandonare la postazione (se non per casi di estrema necessità) vi assicuro che è tutt’altro che bello. Ci vuole una pazienza non da poco perchè per un bagnino le ore non passano mai. E mi dispiace andare contro i concessionari degli stabilimenti balneari che assumono i bagnini: obbligarli a lavorare più delle 40 ore settimanali (spesso il contratto di lavoro dice 40 ore ma i bagnini ne fanno molte di più!!) è una cattiveria nei loro confronti. Oltre al fatto che avere un bagnino alla decima ora ormai stanco, distratto e debilitato è un pericolo in più per i bagnanti.

  • RESPONSABILI

Forse un po’ troppo. Sì, perché quando ci sono controlli delle Capitaneria di Porto, o quando disgraziatamente le forze dell’ordine arrivano a seguito di un incidente, il bagnino rischia tanto. Si possono trovare online numerosi articoli di cronaca che raccontano di controlli negli stabilimenti da parte di ufficiali della CP che, trovando cose non in regola, sfornano multe salatissime, anche nei confronti dei bagnini, che partono da € 1030. Più o meno lo stipendio mensile medio. E la multa è la minor cosa se paragonata all’accusa di omicidio colposo nel caso ci fosse un incidente con morte del pericolante e il bagnino tardasse i soccorso perché non nella sua postazione. Non uno scherzo! Se si pensa che poi la maggior parte dei bagnini ha meno di 30 anni, alcuni addirittura sono appena diciottenni..capite che le responsabilità sono davvero tante, civili e penali. I datori di lavoro non aiutano, ma nemmeno le leggi…

  • ABILI NUOTATORI

“Scontato” – penserà qualcuno – “ma neanche tanto!”. Le prove pratiche per acquisire la qualifica non sono le stesse adottate da tutte le società abilitanti alla professione: questa differenza determina necessariamente che con alcune società l’esame risulti più facile. Tra tutte diciamo che una delle più attente è la FIN, forte anche del fatto che i brevetti che loro rilasciano sono riconosciuti dall’ILS (International Life Saving Federation) e dunque valgono anche fuori dai confini italiani. La FIN oltre a prevedere una prova pratica di sbarramento a inizio corso ha delle prove pratiche a tempo, e da qualche anno ha rivoluzionato la formula per i rinnovi: infatti i bagnini per rinnovare il proprio brevetto devono consegnare un certificato medico che attesti la loro buona salute e dimostrare di saper ancora nuotare effettuando una prova pratica in una Scuola Nuoto Federale. Per alcuni questa è una rottura di scatole in più, a detta di chi scrive è una cosa giusta e sacrosanta. Chi ha il dovere di intervenire per mettere in salvo i pericolanti in mare DEVE essere in grado di farlo, e soprattutto non deve rischiare di mettere a rischio la propria sicurezza!

  • BABY SITTER

Chi di voi ha ricordi di quando andava al mare da bambino? Io si, e ricordo quella voglia irrefrenabile di salire sulla torretta del bagnino. Passano gli anni ma i desideri dei bambini no, ed ecco che anche oggi sono tanti i bimbi che si avvicinano alla torretta, e con tanta ammirazione cercano di farsi amico il bagnino, nella speranza di essere ricompensati un giorno con il permesso di poterci salire. E così, per la gioia di tanti genitori finalmente liberi di godersi alcuni minuti di relax con la prole fuori dai piedi, i bagnini spesso si trovano circondati da piccoli curiosi che, diciamolo, sanno fare buona compagnia e aiutano a far passare il tempo più in fretta.

  • PAGATI SOLO PER VIGILARE SUI BAGNANTI

Da normativa l’unica mansione del bagnino deve essere quella di vigilare sui bagnanti. Questa è la regola, e violarla comporta multe salatissime. Detto questo rimane cosa comune che, specie in stabilimento, i bagnini vengano impegnati anche ad altre mansioni: aprire ombrelloni, posizionare sdrai, affittare pedalò e canoe nelle migliori realtà. Nelle peggiori realtà il bagnino fa l’animatore, insegna il nuoto e arriva anche ad essere messo a servire i tavoli al bar. Molto spesso il bagnino non può esimersi dal prestarsi anche a queste mansioni, perché, come capite bene,  se ci tiene a continuare a lavorare e portare a casa qualche soldino, è difficile ribellarsi e sottrarsi alle direttive dei datori di lavoro. Il cliente queste cose di solito non le sa, e spesso ci mette del suo per rigirare il coltello nella piaga. Come? Pretendendo attenzioni e ulteriori servizi al bagnino, il tutto senza risparmiarlo da ogni tipo di lamentela sul servizio che hanno pagato, di cui, ovviamente, non è responsabile. Meglio riservare tutto ciò alle persone a cui consegnate a mano i soldi, e non al primo che passa a tiro!

  • BEVITORI D’ACQUA INCALLITI

Avete presenti i cammelli? In confronto ai bagnini sono degli animali in stato di disidratazione perenne. Un bagnino consuma in media (o dovrebbe consumare) dai 3 ai 4 litri d’acqua durante le 10-11 ore di servizio. Sotto il sole, fermi o attivi, si perde un quantitativo di liquidi e sali minerali importante ed è fondamentale reintegrare spesso e in maniera abbondante. Quindi immaginate quale tragedia potrebbe presentarsi se il bagnino disgraziatamente dimenticasse le bottiglie a casa! Offrire un caffè al bagnino è un gesto di gentilezza e sempre gradito: ma prima di proporgli il caffè chiedetegli se preferisce dell’acqua, potreste salvarlo dalla disidratazione totale. (Water, water everywhere, / Nor any drop to drink – “The Rime of the Ancient Mariner” Samuel Taylor Coleridge )

  • INGUARIBILI SBORONI

Diciamocelo: alcuni bagnini sono degli sboroni allucinanti. Abbiamo scritto tutto l’articolo enfatizzando i pregi e i meriti di questi omini rossi, ma alcuni, nello svolgere questo mestiere, esagerano clamorosamente superando i limiti che un bagnino ha da un punto di vista sia professionale, sia del rispetto del quieto vivere. Un bagnino non è un poliziotto, non è onnipotente e non comanda proprio nulla. Deve essere autorevole ma non è un’autorità. E spesso dovrebbe ricordarsi di avere a che fare con persone in vacanza, dunque che gradirebbero che gli si lasciassero i “cosiddetti” in pace! Ammesso e non concesso che agiscano sempre nel rispetto delle regole

Condividete l’articolo su Instagram e Facebook e taggate un amico che fa il bagnino per farlo sentire importante!

Categorie: Blog, Le Top 10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...